Sellaronda semi OFF ROAD – mountain Bike 2009

Tempo di lettura: 2 minuti

Non me la sono sentita di etichettarlo come veramente OFF ROAD, perché le salite le ho fatte tuttte su asfalto…

Del resto come non aprofittare della magnifica organizzazione del SellaRondaBikeDay? Migliaia di ciclisiti in religioso silenzio hanno affollato i tornanti dei 4 mitici passi alpini, teatro di epiche battaglie in svariate edizioni del Giro d’Italia, e noi del glorioso CC Senza Freni  eravamo tra loro.

PArtiamo da Campitello per scaldare la gamba; le auto sono già molte e pressano come non mai la Val di Fassa, assedita dalle 4 e dalle 2 ruote come ogni fine settimana; ma oggi stanno tutte fuori, fuori dai tronanti, lontano dai passi, lontano dalle cime, insomma FUORI DALLE BALLE!!!!

Affrontiamo per primo il Sella; Giorgia sale regolare  ed io con lei; siamo un attimo attardati rispett oal gruppo per un problema al cambio; Fauso si ferma per darci una mano ma oggi soffre di una fastidiosa quanto mefitica flautolenza che ci penalizzerà non oco nella respirazione. Il silenzio è incredibile, ogni bici è un leggero fruscio, un alito d’aria condito dal respiro di chi la conduce, si sentono ticchettare i moschettoni degli sparuti arrampicatori sulle crode sopra noi; a Passo Sella ci attende un vento freddo e le nostre strade si dividono; io mi sparo qualche sentierino e poi ci reincontriamo sulle prime rampe del Gardena; il sentiero è fantastico, ma mi aspetta un pò di risalita e raggiungo le ragazze in prossimità del passo, che anche loro hanno affrontato con scioltezza. E sono due.

Di qui il tratto più bello; un sentiero in costa con magnifiche viste sulle crode e sulla Val Badia che fa da sfondo; ci sono alcuni camminatori che non mi vedono di buon occhio perciò cerco di non disturbare il loro lento progredire.

Arrivato a Colfosco trovo un altro sentierino fino a Corvara. Mi ricordo la partenza del SellaRonda con gli sci d’alpinismo; le incertezze, le paure della prima partecipazione; quando salgo fino al Passo Campolongo vedo il malefico tratto di pista lungo lo Skilift, il più duro di tutto il percorso; lì mi ero reso conto che la condizione c’era. E sono tre.

Al Passo Campolongo raduniamo il gruppo; le fatiche di tre passi si fanno sentire ed ora c’è il Pordoi che è comunque lungo; lascio al compagnia per l’ultimo tratto di sentiero, veramenee piacevole fino ad Arabba.

L’idea sarebbe di salirte fino a Porta Vescovo, ma il tempo ormai vogle al brutto, fa anche un pò freddo e nuvoloni densi si concentrano sopra di noi; qualche goccia di pioggia ci accompagna fino al passo. E sono 4.

Cerco un altro sentierino districandomi tra le piste che dopo le recenti e ripetute piogge sono proprio malmesse; Dopo Pecol trovo un paio di sentierini che avevo addocchiato in salita dal Sella che mi portano direttamente in centro a Canazei, in mezzo alla confuisione della festa del paese dove tra turisti e paesani sembro proprio un marziano…

Sellaronda semi OFF ROAD GPX file

svgallery=sellarondabikeday2009

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.