Berlino 2019 – La mobilita’

Tempo di lettura: 1 minuto

La prima cosa che sembra complicata è arrivare dall’aeroporto alla propsia destinazione; seppure piccolo, l’aeroporto di Tegel, disegnato ai tempi della germania nazista, risulta molto commplicato, e l’autobus non si sa dove parta.

Però i controllori sono simpatici e gentili, e si avvicinano alle persone in coda alle macchinette automatiche quando vedono che la coda aumenta troppo.

Autobus, poi tram, e metropolitana, nonché linee regionali che percorrono il ring, il grande anello ferroviario costruito a cavallo tra ‘800 e ‘900 che ha quattro punti cardine denominati “Kreuz“; quindi non serve sapere quando passa un mezzo perché sono così frequenti che rendono inutile affannarsi sulle scale. Ma non illudetevi, sono sempre pieni all’inverosimile, perché i berlinesi non hanno l’auto.

E poi bici, bici ovunque a tutti i semafori, a tutti gli incroci, lungo piste ciclabili disegnate ovunque: bici di tutti i tipi, dalle scatto fisso da hipster alle cargo bike guidate da mamme con i bimbi dentro.

Tutti incuranti del tempo: anche quando tu hai l’ombrello questi girano tranquillamente.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.