La Direttissima – Podismo 2022

Tempo di lettura: 2 minuti

Il Bondone così non l’avevamo mai fatto: partenza da piazza Duomo una mattina di ferragosto, ra turisti assonnati e poi via come i matti; il primo cavalcavia di San Lorenzo preso a 3′ 30″ dietro i migliori, poi l’entusiasmo si spegne sulla salita della Ca’ dei Gai, dove tiro fuori i bastoncini che userò fino in cima..

Sulla salita della Ca’ dei Gai: notare la cartuccera con i i gel!

Da Sardagna a Vaneze, lungo un percorso mai fatto, perdo parecchio terreno e mi superano in tanti, tra cui la prima donna, una ragazza che gareggia nella Coppa del Mondo di scialpinismo. In gara anche il padre, che arriverà terzo di categoria proprio davanti a me.

Non sono amante dei vertical, ma questa mi è piaciuta per l’idea di partire dal centro e arrivare in cima, per il percorso che è completamente nel bosco, lungo sentieri a me sconosciuti; a parte la divagazione verso il Montesel per accumulare dislivello e fare i 2000 m D+ tondi tondi, tutto molto beo.

Il Bondone mi ha stupito anche questa volta!

Bravissima Giorgia alla sua prima esperienza con tanto dislivello, anche se solo fino a Vason.

Giorgia sul palco a Vason; presenta il sempre mitico Alberto!
Discesa in seggiovia tra turisti con le infradito.

La gara è risultata poco partecipata, vuoi per la data, vuoi perché non è inserita in nessun calendario, vuoi perché quando si parla di 1000 m D+ e anche di più, la gente si fa un po’ spaventare; inoltre dopo due anni di stop sono riprese le gare dappertutto, e c’era concomitanza di altri eventi in provincia.

L’organizzazione, a cura di Dodi Nicolussi, un’icona del Bondone, è rodata ed efficiente ma slegata da APT di Trento di cui si è sentita la mancanza; forse unica pecca a mancanza di una navetta di rientro. Il giorno prima anche un riuscito convegno sulla donna nello sport snobbato dai più.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.