Le età barbariche

Tempo di lettura: < 1 minuto

“Vorrei sapere cosa mi rimproveri! Bisogna procreare ed ho fatto due figli, bisogna sposarsi ed io l’ho fatto, bisogna far carriera ed ho fatto carriera!” è la moglie che urla a Jean Marc mentre finalmente ha deciso di ribellarsi alla vita che non gli piace e si incammina verso l’ignoto.

E’ forse questo il senso del film? Siamo noi che diamo vita alla società oppure è la societa che fa noi? Tutto quello che facciamo, i nostri sogni, le nostre attività, i nostri amori sono realmente voluti o sono imposti dalla società che ci vuole in un certo modo? Le cose le facciamo per noi o perché la società ce lo chiede? E dove ci siamo persi la gioia di vivere, dove si è interrotto il sogno di un mondo migliore che sognavamo al liceo o all’università? Jena Marc faceva teatro, partecipava a riunioni studentesche, aveva degli ideali ed ora? Dove si è perso, dove ci siamo persi tutti?

Ora Jean Marc ha smesso di vivere e si rifugia nel sogno, fino a che non incontra una donna che ha fatto del sogno la sua seconda vita; essa vive assieme ad altri pazzi visionari un mondo medioevale dove tutti possono dar sfogo ai propri pruriti  e cercare rifugio dalla amara realtà che vivono; il predicatore gesuita che invoca le crociate contro gli infedeli (che ci ricollega alla realtà attuale del mondo sotto la paventata minaccia islamica), il famigerato principe nero, i lcompare trovato per strada che lotta con la moglie per aver due fine settimana all’anno dove potersi sentire finalmente reallizzato……..

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.