Turnerkamp von Weissenbach – Cima di Campo da Rio Bianco – Scialpinismo 2019

Tempo di lettura: 4 minuti

Finalmente un po’ di sci alpinismo vero.

L’anno scorso a martedì grasso ero salito fin qui con Paolino; c’era molta più neve, tanto che la cima del V Corno (Funfte Hornspitze) ci aveva respinti per troppa neve. Ero troppo stanco dopo essermela tracciata tutta e si affondava fino alla coscia.

Quest’anno, di domenica, un’autentica processione di altoatesini tutti griffati e rockerati ci precede; forse devo anche io rinnovare la mia attrezzatura, a cominciare dal mio attacchino Dynafit, uno dei primi leggeri, in titanio, del 1998, preso per andare al Camel Trophy.

Certo che con gli inverni magri di neve che sta facendo, non si arriva nemmeno ad ammortizzare le pelli; in anni buoni ne consumavo un paio a stagione, adesso ho le stesse da 4 anni!

Quest'anno festeggio i 20 anni del mio attacchino Dynafit in titanio.

Quest’anno festeggio i 20 anni del mio attacchino Dynafit in titanio.

 

Saliamo di prima mattina fino alla Gogelalm, dove a 2000 metri c’è pure una bellissima chiesetta; diritti si va verso il rifugio Porro, a destra in campo aperto tra i lV Corno e il Turnerkamp.

Goglealm

Goglealm

Roberto ha problemi con gli sci ma lo convinco ad andare a sinsitra verso la cima più alta; si arriva sci ai piedi poco sotto il canale di accesso alla vetta.

Per fortuna mi hanno tracciato la strada nei 20 cm di farina scesi l'altro giorno; ora si attacca il canale di accesso al Turnerkamp; fa molto caldo, meglio sbrigarsi.

Per fortuna mi hanno tracciato la strada nei 20 cm di farina scesi l’altro giorno; ora si attacca il canale di accesso al Turnerkamp; fa molto caldo, meglio sbrigarsi.

Nel canale di accesso alla cima del Turnerkamp, 3418 metri. Sullo sfondo il paese di Rio Bianco (Weissenbach). Quel ragnetto attaccato alla parete è un altoatesino che sale dietro di me.

Nel canale di accesso alla cima del Turnerkamp, 3418 metri. Sullo sfondo il paese di Rio Bianco (Weissenbach). Quel ragnetto attaccato alla parete è un altoatesino che sale dietro di me.

 

L'ultima parte del canale di accesso alla cima del Turnerkamp; sullo sfondo lo skilift di Riobianco.

L’ultima parte del canale di accesso alla cima del Turnerkamp; sullo sfondo lo skilift di Riobianco.

In cima al Trunerkamp troppo vento per fermarsi a godere del panorama.

In cima al Trunerkamp troppo vento per fermarsi a godere del panorama.

Discesa un po’ laboriosa perché avevo dimenticato la piccozza; comunque con i bastoncini mi sono arrangiato; varrebbe sempre la pena portarsi gli sci fino in cima, perché in certe condizioni mi sento più sicuro sci ai piedi. Un po’ come su certi sassi pensi di scendere dalla mountain bike e poi ti accorgi che era meglio rimanere in sella!

Prime curve dal Turnerkamp.

Prime curve dal Turnerkamp.

Scendendo dal Turnerkamp, 3418 metri.

Scendendo dal Turnerkamp, 3418 metri.

 

Durante la salita ho fatto due chiacchere con gli altoatesini presenti; o almeno ho provato a farle, visto che non sembra di loro interesse scambiare due opinioni con un talìan da Trent! Sarà la lingua, che  comunque qualche barriera la pone (il mio italiano probabilmente è condito di un po’ di slang incomprendibile, addirittura alcuni si facevano tradurre le mie frasi!), però sembra che la montagna non sia un collante tale da superare la lontananza che ci divide. Le frasi sono dei mozziconi di “Sì” o “No”… mah!

Eh sì che lo sport dovrebbe unire!

Attendo smentite.

Tornando alla mera cronaca sportiva e lasciando perdere queste elucubrazioni pseudo sociologiche, sciata galattica, come raramente nelle scorse stagioni. L’ultima perturbazione ci ha lasciato 20 cm di polvere da tracciare a piacimento, disegnando serpentine di tutte le forme. Tutte le volte mi stupisco di come lo scialpinismo incarni alla perfezione lo spirito di libertà che l’uomo da sempre persegue. Forse solo la vela e il volo libero sono così!

Mi hanno impressionato due altoatesini con sci larghissimi scendere come fosse un superG a velocità siderali. Divertente da vedere, ma non da fare…troppo poche curve!!

Il giro partendo dal paese è lungo 20 km e con 2200 metri di dislivello.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.