Cima Lac – Passo de l’Om – Scialpinismo 2018

Scialpinismo come una volta.E per fare scialpinismo come una volta ci vogliono gli scialpinisti di una volta. Quelli che amano battere traccia. Quelli che rispettano le distanze di sicurezza e non mangiano le code dei compagni di gita per paura di essere svergognati al bar con un laconico “Te me parevi un po’ strac ancoi?“. Quelli che lasciano a chi ha tracciato tutto il giorno il piacere di lasciare per primo la propria firma sul bianco manto. Quelli che non rovinano la traccia d’altri e nemmeno la traccia di salita.

Strano trovarsi oggi da soli su questa cima dopo una discreta nevicata. Strano non trovarla già tracciata da qualche tutina speed. Probabilmente erano tutti a smaltire le fatiche del Vioz di ieri sera. Così con KarlHeinz e David siamo partiti dai primi masi di Ingegna, frazione aggrappata ai ripidi pendii sopra Pracorno in Val di Rabbi. Partenza degna del miglior itinerario dell’Alto Adige, zig-zagando tra masi e stalle, alcuni ben rifiniti, altri diroccati, in attesa di qualche investitore capace di risolvere dispute tra eredi.

Masi sopra Ingegna - Val di Rabbi

Masi sopra Ingegna – Val di Rabbi

Masi de Zora - Val di Rabbi

Masi de Zora – Val di Rabbi

Alla Malga Cortinga Bassa notiamo un certo distacco spontaneo di neve; d’accordo che sul metallo del tetto non c’è molto attrito, ma ci mette in guardia; per fortuna le temperature molto basse (- 10° C) dovrebbero garantire una certa stabilità.

Distacco sul tetto di Malga Cortinga Bassa

 

Dopo Malga Cortinga Alta si apre il bosco; la visibilità non è buona, per cui traccio in neve abbastanza profonda come mi viene; mi rendo conto solo dalla fatica che sto facendo  che salgo, perché tutto intorno a me il whiteout annulla le pendenze. Ne viene fuori però una discreta traccia fino al Passo de l’Om, che raggiungo pensando di essere sul percorso giusto invece è proprio a metà tra Cima Lac e Cima delle Mandrie e vicino a Cima Lainert, tutte salite quando c’era neve!

Optiamo per la prima e per i suoi invitanti pendii, e poi festa di curve.

Tracce. @ David De Zanna

Tracce. @ David De Zanna

Ripellata seguendo la traccia fino al Passo de l’Om e poi variante di discesa su prati aperti fino a malghe invitanti.

 

 

 

 

 

Comments

comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aggiungi una immagine