Tomazol – La stanga – Mountain bike 2013

Tempo di lettura: 1 minuto

Xe paseo coa bicicleta?” mi chiede una vicentina incontrata lungo il percorso.

E’ agosto e si sa, gli altipiani sono il giardino di casa dei cugini veneti; solitamente non ci faccio caso ai dubbi dei bipedi, ma questa volta comincio a nutrire  seri dubbi di riuscire a chiudere il giro.

La strada della Stanga da anni mi incuriosiva e mi ero tenuto alla larga in base a racconti di ciclisti esploratori  (uno su tutti il mitico Bonny che giusto dieci giorni fa ho visto con il casco, udite! udite!)  che erano tornati indietro con le pive nel sacco; stavolta incuriosito ho deviato dal solito giro del [intlink id=”56″ type=”post”]Tomazol [/intlink]e mi sono buttato, incurante dei divieti, lungo  il sentiero 219 ormai sbarrato.

La strada è fantastica; pendenza costante, larga quanto basta per il transito nei due sensi, i paracarri disposti ordinatamente verso il precipizio del Centa; dall’altra parte della valle una vista inconsueta del Becco di Filadonna e  delle pendici della Vigolana  con Centa e Pian dei Pradi. Una piccola frana non fa desistere, si può continuare anche quando la stessa diventa sentiero e si arriva  ai ruderi della osteria della stanga vera e propria, ovvero dove veniva esatto il pedaggio; di qui impossibile proseguire; il tratto non sarebbe difficile ma è altamente instabile e dove metti i piedi sprofondi in ghiaino leggero che frana a valle.

Qui si trova un pò di storia:

Cipputi blog

Girovagando in montagna

Tomazol-Stanga

One comment to “Tomazol – La stanga – Mountain bike 2013”
  1. Colpo di scena!
    Appena nominato incontro sulle strade di casa un redivivo Bonny con tanto di casco!!!!
    L’incontro vale una foto celebrativa!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.