Monte Serodoli – Val Gelada – Scialpinismo 2011

Tempo di lettura: 1 minuto

Che longa… che longa.

Per fare il [intlink id=”335″ type=”post”]Mezzalama[/intlink] ci avevo messo meno…. qui 30 km con 2200 metri di dislivello in quasi 8 ore….

Questa gita era stata una delle prime gite “importanti” affrontata con la SAT nel lontano 1998; allora mi era sembrata una gita lunghissima ed impegnativa; non fose altro che per il bosco incasinato e per il fatto che avevamo affrontato uno dei primi ripellaggi della storia, roba che oramai se non si fa sembra di non divertirsi….

Ero caduto più volte nel bosco intricato ed eravamo arrivati al Lago dei Caprioli (o Lago Fazzon) trovando la strada completamente spalata e dovendo farla a piedi per il rientro…. per non parlare poi  del casino nel gestire le auto, insomma, una classsica gita della SAT!!!!

Oggi potrei dire quasi che ci è andata meglio, anche se la neve era uno schifo su tutti i versanti (ma io in Serodoli non sono mai riuscito a trovare bella neve…), la discesa in Val Gelada non era tracciata e ci siamo incasinati spesso nel bosco a cercare la via, dovendo spingere spesso sia per la ridotta pendenza sia per lo strano zoccolo, la risalita verso le piste di Campiglio si è rivelata lunga (30 km il giro finale) e la successiva discesa verso il Lago delle Malghette un calvario (in alcuni momenti vedendo delle orme temevamo di essere nel regno dell’orso!!!), per poi concludere scroccando un passaggio in seggiovia (vergogna!!) per raggiungere il culmine  e poter scendere (comunque sci ai piedi) alla Zangola, punto di partenza.

Che dire, il giro sarebbe comunque paesaggisticamente una favola, peccato per la neve trovata!!!

Serodoli ValGelada GPX file

svgallery=Serodoli2011

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.