Pisa Marathon – Podismo 2015

Tempo di lettura: 3 minuti

2 h 59′ 59″! Mi candido a pacer delle tre ore!

E’ vero, per fare il pacer devi poter correre almeno 15″-30″ al km in meno del ritmo per cui lo fai; però oggi per condotta di gara Lucio ed io abbiamo proprio fatto un bel lavoro! Sempre davanti al gruppo, sempre con il ritmo controllato; la seconda metà di gara poi siamo rimasti senza pacer (doveva darsi il cambio con un altro che non si è presentato alla mezza) ed abbiamo fatto noi il ritmo per il nostro gruppetto, che si è via via sfaldato. Dal 30esimo in poi in crescita costante, recuperando posizioni su posizioni, incitando tutti quelli incontrati a non mollare ogni km.

Veramente una bella sensazione, nonostante alcuni km con vento contrario in cui non avevamo un vero gruppo in cui ripararsi.

Intermedi Pisa Marathon 2015

Intermedi Pisa Marathon 2015

Peccato che gli ultimi due km mi siano stati fatali, mentre Lucio straordinariamente fresco accelerava io mi spegnevo pian piano accumulando un buon minuto in due km; alla fine, saranno stati gli ultimi 500 metri prima della svolta in Piazza dei Miracoli, una signora vede cadere un tappo di una bottiglietta di plastica e mi grida “Hai perso il chip!” ed io lesso completo dalla fatica vedo svanire il risultato e le credo; mi fermo e quando noto che invece è fermo al suo posto sulla scarpa riaccendo i motori per l’ultimo sforzo, che non riesco nemmeno a descrivere quanto mi sia costato!

Chiudo in 3 h 30′ 38″ che di real time fanno un secondo esatto sotto le tre ore; poteva costarmi caro lo scherzetto della tipa!

REalTime I Pisa Marathon 2015

RealTime I Pisa Marathon 2015

Sulla tattica  invece ho ancora qualcosa da rimuginare: siamo partiti seguendo l’unico pacer delle tre ore che si vedeva alla partenza, che però ha rallentato subito; io allora mi sono attaccato a quelli dell’1h30′ della mezza maratona che comunque erano 30″ sopra il tempo; al bivio della mezza si è fatto sotto di nuovo il nostro pacer accompagnato da Lucio mentre all’orizzonte, quando ormai eravamo usciti da Pisa, si vedevano dei palloncini, che sembravano essere l’altro pacer delle tre ore in un folto gruppo. Io avrei accelerato per raggiungerlo e mischiarmi nel gruppone al riparo, invece siamo rimasti con il nostro simpatico vecchietto ma patendo vento sia nell’entrata a Tirrenia sia risalendo verso nord sul lungomare. Così quando lui si è fermato, ben oltre il suo compito, abbiamo fatto noi da pacer, accelerando dal 25 al 35esimo quel tanto per rientrare nei tempi, giusto per l’entrata in città.

Pisa Marathon: alla consegna dei pettorali

Pisa Marathon: alla consegna dei pettorali

 

Pisa Marathon: all'arrivo

Pisa Marathon: all’arrivo

 

Pisa Marathon: massaggi ristoratori

Pisa Marathon: massaggi ristoratori

Per il resto, che dire della Pisa Marathon?

Percorso filante ma che può risultare noioso e pericoloso se spazzato dal vento del mare; tifo adeguato dalle poche persone presenti, nessun gruppo musicale o banda sul percorso; tanti ciclisti incontrati, alcuni dei quali peraltro creavano intralcio.

Ristori e spugnaggi precisi, costanti e ben forniti; io avrei messo della coca cola dal 35esimo in poi.

Poca presenza in città: nessun cartello ,striscione o altro; sembrava non ci fosse nemmeno una gara!

Servizi pre e post gara da migliorare:

-zona expo presso il centro sportivo lontano dal centro, in un’area poco accessibile ai pedoni

-partenza fuori le mura, non sarebbe possibile farla sul viale che lambisce la Piazza dei miracoli? Vuoi mettere che effetto scenico?

-arrivo idem, inspiegabilmente si svolta a destra quando si potrebbe arrivare in Piazza dei Miracoli direttamente

-niente pasta party???

 

Pisa MArathon GPX file

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.