Scialpinismo vigolano

Tempo di lettura: 2 minuti

Meteo strano, l’incertezza regna sovrana; sono rimasto solo a casa, i compagni sono in giro; alcuni del forum farebbero un giro in Alto Adige, ma sono un pò perplesso; si preannuncia brutto tempo e forte vento: meglio rimanere al coperto. Mi sveglio alle sei e colmo di stupore vedo la Vigolana ammantata di un fresco e candido manto, che splende nella luce dell’alba; nessuna nuvola in giro…..ma i meteorologi usano sostanze???Gianmarco bussa alla porta, eravamo d’accordo di fare qualcosa; meno male che mi tira fuori, forse quell’ultima grappa di ieri sera non è andata giù proprio bene; non capisco cosa ci mettano dentro nelle grappe industriali, mi rimane sempre un certo mal di testa…non mi succede con quelle artigianali….mah!

Ci portiamo al Doss del Bue, cercando di andar piano sulla strada sopra Vattaro; l’altra mattina avevo quasi tirato sotto un capriolo; foto di partenza alla rinnovata Malga Faé (c’era bisogno di costruire un casermone del genere, con tanto di parcheggio e lampioni? cosa mai vorranno metterci poi, una rotonda?) e poi via verso l’imbocco della Lavinella. La slavina l’avevo vista da casa, ma fa sempre impressione; un muro di due metri ha tagliato in due la strada; poi è passato lo spazzaneve a ripristinare il traffico dei trattori dei taglilegna. La neve è ottima, non servono i ramponi e non si sfonda; in alcuni punti intravediamo nella neve fresca vecchie orme che seguiamo fedelmente; l’ambiente è superbo, il canale si fa stretto stretto e non sembra avere mai fine; finalmente vedo il cielo vicino e siamo all’uscita, alla Bocca di Lavinella a 2045 m. Siamo sull’altro versante, con una superba vista verso sud; mettiamo i ramponi per alcuni punti di ghiaccio esposti, ed in poco siamo in Cima Vigolana.  

Vigolana KMZ file 

Mettiamo gli sci e traversiamo verso il Becco; appena prima troviamo l’imbocco della Val Larga e, vedendo lo stato della neve, ci fiondiamo giù di sotto; a metà dopo il canale traversiamo e ci immettiamo nel canale del Becco di Filadonna; lo seguiamo fino in fondo alla slavina, raschiando con le punte degli sci in alcuni punti le pareti del canale. 

svgallery=vigolanasci2008 

2 comments to “Scialpinismo vigolano”
  1. complimenti x il reportage fotografico, ho fatto oggi lo stesso giro! (17.04,2010).
    C’è molta più neve e la sciata in val larga è da libidine 😀
    Parecchio ghiaccio di fondo dai 1800 in su.
    Bellissimo giro, divertente, peccato per il tempo che sul più bello ha coperto tutto con le nuvole e al ritorno abbiamo fallato il pieno il canale…. tornati su e giù ancora…. ehehhe
    ciaooooo
    lele

  2. Ciao,
    a che ora sei sceso?
    Mi sa che i miei fratelli (che tengono d’occhio i canali…) ti hanno visto scendere ieri..

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.